Sintesi delle principali scadenze in materia di Ambiente, Sostanze pericolose, Gestione rifiuti e CONAI

Come ogni anno, anticipiamo le principali scadenze di cui all’oggetto.
Si rammenta che visto il perdurare dello stato di emergenza da Sars-Cov-2 alcune di queste date potrebbero variare; sarà nostra cura avvisarvi per tempo mediante specifiche circolari.

  • TASSE: Richiesta riduzione quota variabile della TARI
  • AMBIENTE: denuncia scarichi idrici ed emungimento da pozzi
  • AMBIENTE: pagamento concessione utilizzo pozzi
  • AMBIENTE e GESTIONE RIFIUTI: report AIA
  • AMBIENTE e GESTIONE RIFIUTI: dichiarazione E-PRTR
  • MATERIE PERICOLOSE: relazione ADR 2020
  • MATERIE PERICOLOSE: pagamento diritti annuali per archivio ISS
  • GESTIONE RIFIUTI: Classificazione dei rifiuti
  • GESTIONE RIFIUTI: MUD 2021 (dati anno 2020)
  • GESTIONE RIFIUTI: termine versamento diritti annuali Albo Nazionale Gestori Ambientali
  • GESTIONE RIFIUTI: recupero semplificato rifiuti di terzi: versamento diritti annuali ai sensi DM 350/98
  • GESTIONE RIFIUTI: adempimenti prescrizioni autorizzazioni
  • GESTIONE RIFIUTI: dichiarazione quantità RAEE al CDC RAEE
  • CONAI

TASSE: RICHIESTA RIDUZIONE QUOTA VARIABILE TARI

In relazione all’applicazione della TARI, i regolamenti comunali prevedono la possibilità, per le aziende che ne fanno richiesta entro il mese di gennaio, di uno sconto sulla quota variabile della tassa stessa a condizione che si siano conferiti rifiuti assimilati a ditte terze autorizzate (comprovandone l’avvenuta alienazione), e quindi non al servizio pubblico di raccolta.
La domanda va inoltrata ogni anno, pena la perdita dell’agevolazione, allegando i formulari dei conferimenti dei rifiuti effettuati nel corso dell’anno precedente.

AMBIENTE: DENUNCIA SCARICHI IDRICI ED EMUNGIMENTO DA POZZI

Le aziende titolari di un’autorizzazione per lo scarico industriale delle acque reflue in fognatura o di prelievo di acqua da pozzo devono presentare entro il 31/01/2021 (o altra data di scadenza indicata nel regolamento del gestore della rete fognaria) il bilancio idrico relativo al 2020, sulla base del quale verrà conteggiato l’onere da pagare al gestore per lo scarico in fognatura.
Si invitano, comunque, le aziende a verificare le loro autorizzazioni allo scarico per verificare gli obblighi inerenti la compilazione dei bilanci idrici.

AMBIENTE: PAGAMENTO CONCESSIONE UTILIZZO POZZI

I canoni relativi alle concessioni di risorse idriche e all´occupazione di aree del demanio idrico per l´anno 2021 dovranno essere versati entro il 31 marzo 2021, come stabilito dall´art. 8 della L.R. 2/2015.
Il canone 2021 dovrà essere versato indicando nella causale il numero della pratica (codice Sisteb) e che il pagamento è riferito all´anno 2021. Le modalità di pagamento dei canoni sono quelle indicate nell´apposita sezione della presente pagina, ovvero quelle comunicate dalla Struttura autorizzazioni e concessioni (Sac) o dal Servizio Gestione Demanio Idrico e indicate al seguente link:

https://www.arpae.it/dettaglio_generale.asp?id=3679
Si ricorda che per l’annualità 2021 il canone di concessione è soggetto alla rivalutazione dell’Indice generale FOI pubblicato sul sito dell’Istat, come stabilito dall´art. 8, c.3 della L.R. 2/2015. La rivalutazione percentuale dell’indice FOI per l´anno 2021 è pari al -0,3%, di conseguenza per determinare l´importo da corrispondere per il canone 2021, l’utente dovrà moltiplicare il valore del canone pagato nel 2020 per 0,997 (es. €100,00 x 0,997 = €99,70).
Per qualsiasi chiarimento possono essere contattati gli uffici delle Strutture autorizzazioni e concessioni di Arpae competenti alla gestione della pratica cui il pagamento si riferisce ovvero il Punto Informativo Demanio idrico (https://www.arpae.it/dettaglio_generale.asp?id=3509).

AMBIENTE E GESTIONE RIFIUTI: REPORT AIA

E’ prevista la consueta comunicazione dei dati di monitoraggio sulle matrici acqua, aria, agenti fisici, suolo a carico dei gestori di impianti in possesso di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), da trasmettersi all’Autorità Competente entro il 30 aprile 2021.

AMBIENTE E GESTIONE RIFIUTI: DICHIARAZIONE E-PRTR

Entro il 30 aprile 2021, i soggetti obbligati alla comunicazione ai sensi dell’allegato I del Regolamento CE n.166/06 devono dichiarare annualmente l’emissione in aria, acqua e suolo, il trasferimento fuori sito di inquinanti nelle acque reflue e il trasferimento fuori sito di rifiuti per quantitativi superiori al valore di soglia di cui all’allegato II del Regolamento CE n. 166/06.

MATERIE PERICOLOSE

RELAZIONE ADR 2020 (scadenza prevista il 28 febbraio 2021)

Per le aziende soggette ad ADR, entro il 28 febbraio il consulente per la sicurezza dei trasporti deve redigere la relazione annuale sulla movimentazione delle merci pericolose effettuata dalla società.

PAGAMENTO DIRITTI ANNUALI PER ARCHIVIO ISS

Entro un anno dalla data del versamento 2020, è previsto il pagamento di € 50,00 (non soggetto a iva né a imposta di bollo) per singolo registrante/anno, ed è indipendente dal numero delle miscele registrate o da registrarsi.
Il versamento ha la consueta validità di 1 anno: ad es. “pagamento effettuato ad ottobre 2020 prossimo da effettuarsi ad ottobre 2021”.

GESTIONE RIFIUTI

NUOVA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI URBANI

In tema di classificazione dei rifiuti, dal 01 gennaio 2021 entra in vigore la nuova classificazione dei rifiuti (artt. 183 comma 1, let. b-ter e 184 comma 2, allegati L -quater e L -quinquies D.Lgs 152/2006, in particolare per quanto concerne i rifiuti urbani.
Nello specifico, per quanto di interesse delle imprese, i rifiuti assimilati fino al 31/12/2020 la cui definizione era: “i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla lettera a), assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità, ai sensi dell’articolo 198, comma 2, lettera g)”, dall’inizio di quest’anno sono definiti come: “rifiuti indifferenziati e da raccolta differenziata provenienti da altre fonti che sono simili per natura e composizione ai rifiuti domestici indicati nell’allegato L- quater prodotti dalle attività riportate nell’allegato L-quinquies”.
Occorrerà quindi rivalutare la propria produzione dei rifiuti al fine di impostare la gestione dei rifiuti che si intendono conferire tramite il Gestore dei rifiuti urbani (Hera, Aimag, A2A, Iren, Geovest, ecc.)

MUD 2021 (scadenza ad oggi prevista il 30 aprile 2021)

E’ prevista la dichiarazione dei rifiuti prodotti e/o gestiti nel 2020 da trasmettersi alle CCIAA competenti entro il 30 aprile 2021 (salvo proroghe).
L’invio dovrà avvenire esclusivamente per via telematica.
Come gli anni scorsi non appena saranno confermate le modalità di stesura invieremo una nostra circolare specifica con le indicazioni necessarie per la raccolta dei dati (delega, carta identità LR, dati aziendali aggiornati, ecc.).

TERMINE VERSAMENTO DIRITTI ANNUALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

Le imprese iscritte all’Albo Nazionale Gestori Ambientali devono pagare il diritto annuale in base alla categoria e alla classe di appartenenza entro il 30 Aprile 2021 (salvo proroghe); il pagamento deve essere effettuato accedendo alla propria area riservata sul sito https://www.albonazionalegestoriambientali.it/Impresa/Login.aspx (con la stessa password dell’anno scorso) tramite carta di credito oppure tramite MAV da pagare presso la propria banca (anche via home banking).
Si segnala che il sistema di pagamento è attivo fin dal 1 gennaio con l’indicazione automatica degli importi dovuti, pertanto è possibile procedere con i pagamenti sin da subito.
Infine si fa presente che entro il 20 maggio le sezioni regionali approveranno d’ufficio la sospensione dell’autorizzazione alle imprese che non hanno effettuato il pagamento entro il 30 aprile.

RECUPERO SEMPLIFICATO RIFIUTI DI TERZI-VERSAMENTO DIRITTI ANNUALI AI SENSI DM 350/98

Le imprese iscritte al “Registro Provinciale delle Imprese che effettuano la Gestione dei rifiuti” devono pagare il diritto annuale in base alle tonnellate annue comunicate ai sensi del DM 350/98 entro il 30 Aprile 2021.

ADEMPIMENTO PRESCRIZIONI AUTORIZZAZIONE

Ai fini di una corretta gestione dell’impianto, pur non essendoci una scadenza diretta, vi ricordiamo di monitorare con particolare attenzione le quantità di rifiuti in giacenza presso il Vs. impianto, consigliando di procedere al conferimento o trattamento laddove autorizzato, in caso di raggiungimento delle quantità prossime ai limiti; il monitoraggio è particolarmente utile anche per individuare eventuali modifiche autorizzative utili in funzione delle eventuali tendenze del mercato.
Sempre ai fini della corretta gestione degli impianti di destino rifiuti, si consiglia di verificare attentamente le prescrizioni sia tecniche che amministrative riportate nelle autorizzazioni come ad esempio l’obbligo di comunicare l’aggiornamento delle certificazioni (es. UNI EN ISO 14001:2015, Reg. UE 333/11, Reg. 715/13 etc) e lo svolgimento di autocontrolli (analisi rifiuti, scarichi, emissioni, rumore, pulizia impianti depurazione ecc.)

DICHIARAZIONE QUANTITÀ RAEE AL CDC RAEE

Per gli impianti di gestione di RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) entro il 30 aprile 2021 devono essere rendicontate al Centro di Coordinamento RAEE le quantità di RAEE gestiti, in adempimento all’art. 33 c.2 del D.Lgs. 49/14 (la violazione comporta l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da euro 2.000 ad euro 20.000 con rif, art. 38 c.4 D.Lgs. 49/14).

CONAI

Premesso che i soggetti obbligati CONAI sono i produttori (di imballaggi), ma tuttavia è soggetto a sanzione chiunque immetta al consumo imballaggi privi dei requisiti di etichettatura, di seguito si riportano di seguito alcune delle principali scadenze CONAI per l’anno in corso.
Si specifica infine che il soggetto che definisce le direttive sul design e la grafica del packaging (utilizzatore del packaging) deve tenere in considerazione questo obbligo, soprattutto alla luce del fatto che l’imballaggio prodotto, in alcuni casi potrebbe essere già un imballaggio finito, e in altri casi una parte di esso, o un semilavorato.
L’etichettatura ambientale quindi dovrebbe apporla chi assembla l’imballaggio finito, al fine di poter dare informazioni corrette e complete al consumatore finale (a questo proposito si consulti il sito CONAI dove sono pubblicate le Linee Guida sull’Etichettatura Ambientale degli imballaggi www.conai.org.)
Le scadenze 2021 sono:

  • 20/01/2021 termine per l’invio delle dichiarazioni trimestrali inerenti il IV trimestre del 2020 e annuali per l’anno 2020.
  • 28/02/2021 termine per l’invio della dichiarazione di esportazione.
  • 20/04/2021 termine per invio dichiarazione I trimestre 2021
  • 20/07/2021 termine per invio dichiarazione II trimestre 2021
  • 20/10/2021 termine per invio dichiarazione III trimestre 2021

La dichiarazione mensile va effettuata entro il 20 di ogni mese in riferimento al mese precedente.

Si ricorda comunque di controllare sul sito www.conai.org. L’aggiornamento del calendario degli adempimenti e dei contributi dovuti per ciascun materiale di imballaggio e ciascuna fascia contributiva.
Si ricorda inoltre che le dichiarazioni vanno caricate on- line sull’account della ditta in quanto CONAI non accetta più l’invio della modulistica tramite fax o e-mail (sul sito sono riportate le istruzioni per la registrazione e la creazione del proprio account).

Infine si evidenzia che il D.Lgs. n.116/2020 aveva apportato una serie di modifiche al comma 5 dell’art. 219 relativamente all’etichettatura ambientale degli imballaggi, al fine di facilitare la raccolta, il riutilizzo, il recupero e il riciclaggio “Tutti gli imballaggi devono essere opportunamente etichettati secondo le modalità stabilite dalle norme tecniche UNI applicabili e in conformità alle determinazioni adottate dalla Commissione dell’Unione europea, per facilitare la raccolta, il riutilizzo, il recupero ed il riciclaggio degli imballaggi, nonché per dare una corretta informazione ai consumatori sulle destinazioni finali degli imballaggi“; il decreto “Milleproroghe” (DL 31 dicembre 2020, n. 183), ha invece sospeso questa disposizione fino al 31 dicembre 2021.

Per eventuali chiarimenti e approfondimenti sugli adempimenti elencati, i consulenti Ecoricerche sono a disposizione per ogni informazione o chiarimento.

 

Cordiali saluti,

Ecoricerche Srl