FormaRe.te

Agenzia specializzata nella formazione professionale in materia di sicurezza ed ambiente
I nostri corsi si effettuano sia in AULA, rispettando tutti i protocolli necessari per evitare i rischi di contagio del Covid-19, sia in modalità VIDEOCONFERENZA.
Visita la pagina dei nostri corsi o, per tutte le informazioni, contatta Debora Farao (d.farao@formarete.net) o Giulia Mazzola (g.mazzola@formarete.net).

SCOPRI LA NOSTRA FORMAZIONE ON LINE - GUARDA IL VIDEO

CLICCA QUI

CHI SIAMO

W.TRAINING

W.Training è una società specializzata nei processi di formazione e di apprendimento degli adulti. Rivolgendosi a imprese e persone, guidata dalla mission di “condividere conoscenza”, raccoglie la sfida di “rendere desiderabile la formazione” e di innovarne il modello orientandolo ai risultati che i clienti hanno necessità di raggiungere. Presenta una ricca offerta formativa personalizzata e finalizzata all’applicazione concreta in azienda delle competenze acquisite.

ECORICERCHE

I nostri valori sono: la passione, la determinazione, la responsabilità, l’intraprendenza, il miglioramento, l’appartenenza. In Ecoricerche cerchiamo di migliorare continuamente, imparando dai nostri errori e dalle esperienze. Il miglior supporto nel nostro lavoro è la collaborazione con i clienti, che con i loro problemi e le difficoltà, ci stimolano a trovare soluzioni a situazioni spesso diverse.

Nel nuovo numero di Dati Inail gli infortuni sul lavoro nell’anno della pandemia

L’analisi condotta dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto sugli Open data rilevati al 31 dicembre conferma l’impatto dell’emergenza Coronavirus sull’andamento infortunistico in Italia nel 2020. Il calo delle denunce è pari al 13,6%, ma i casi mortali sono 1.270, 181 in più rispetto ai 1.089 del 2019 (+16,6%). A fronte di una riduzione dei decessi in itinere del 30,1%, quelli avvenuti in occasione di lavoro sono infatti aumentati di oltre un terzo (+34,9%).

Con il bando Isi 2020 più di 211 milioni a fondo perduto alle imprese che investono in prevenzione

Gli incentivi Inail sono ripartiti in budget regionali/provinciali e possono coprire fino al 65% delle spese sostenute dalle aziende per realizzare progetti destinati a migliorare i livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Terzo Rapporto Anmil sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, focus sull’emergenza Covid-19

Lo studio, presentato nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, alla presenza di esponenti del mondo istituzionale, giuridico e accademico, approfondisce i principali interventi del legislatore, della giurisprudenza e della ricerca in materia. La ministra del Lavoro e delle Politiche sociali Nunzia Catalfo: “È stato importante il ruolo ricoperto dal Ministero e dall’Inail nella sottoscrizione del protocollo sulla sicurezza”.

Nel 2019 denunciati 1.156 infortuni mortali sul lavoro, più del 40% è legato al “rischio strada”

La flessione risulta evidente anche considerando i decessi accertati “sul lavoro” dall’Inail, in calo del 17,3%, da 759 a 628, rispetto al 2018 e del 19,6% rispetto al 2015 (-153). Prosegue, inoltre, il trend crescente delle denunce di malattia professionale: l’anno scorso sono stati protocollati 61.201 casi, 1.743 in più rispetto ai 59.458 del 2018 (+2,9%), con 43.732 lavoratori coinvolti (+655).

Coronavirus e fase 2, prevista una sorveglianza sanitaria eccezionale nei luoghi di lavoro

Secondo quanto disposto dal decreto “Rilancio”, la misura dovrà essere assicurata dai datori di lavoro pubblici e privati ai lavoratori maggiormente esposti e potrà essere fornita anche dall’Inail. A breve dall’Istituto un’app per richiederla telematicamente.

Ambiente, un’analisi del fenomeno infortunistico e delle malattie professionali tra i lavoratori del settore

Online sul sito dell’Inail, lo studio indaga le rischiosità specifiche di questo ambito professionale per migliorare gli interventi finalizzati alla prevenzione. Coinvolte circa 200 imprese del settore ambiente associate a Utilitalia, la federazione che riunisce le aziende operanti nei servizi pubblici di acqua, ambiente, energia elettrica e gas. I rischi maggiori nell’attività di raccolta dei rifiuti.

Covid-19, nessuna connessione tra il riconoscimento dell’origine professionale del contagio e la responsabilità del datore di lavoro

I criteri applicati dall’Inail per l’erogazione delle prestazioni assicurative ai lavoratori che hanno contratto il virus sono totalmente diversi da quelli previsti in sede penale e civile, dove è sempre necessario dimostrare il dolo o la colpa per il mancato rispetto delle norme a tutela della salute e della sicurezza.

Coronavirus, la guida EU-OSHA per il ritorno al lavoro in sicurezza

L’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro fornisce indicazioni per aiutare lavoratori, datori di lavoro e imprese a gestire un ritorno progressivo al lavoro dopo l’emergenza da COVID-19.

Oil: salute e sicurezza sul lavoro investimento fondamentale per reagire alle sfide della pandemia

Nel Rapporto pubblicato in occasione del 28 aprile, la giornata che rilancia in tutto il mondo le tematiche della prevenzione e della sicurezza lavorativa, l’Organizzazione internazionale del lavoro evidenzia la necessità di proteggere adeguatamente i lavoratori nella fase di riapertura.

Coronavirus, fase 2: online il documento tecnico Inail con le misure di contenimento e prevenzione nei luoghi di lavoro

La pubblicazione, approvata dal Comitato Tecnico Scientifico istituito presso la Protezione Civile, è disponibile sul portale dell’Istituto. Contiene indicazioni mirate ad affrontare la graduale ripresa in sicurezza delle attività produttive e a garantire adeguati livelli di tutela della salute per tutta la popolazione.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato sui temi di ambiente e sicurezza

Clicca qui per leggere la Privacy Policy

2 + 3 =